Condividi

Incredibile scoperta della Guardia di Finanza nel napoletano

Due anfore romane risalenti al III e IV secolo a.C. del valore di parecchie decine di migliaia di euro, sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza di Torre Annunziata (Napoli).

Il tesoro è stato ritrovato durante una perquisizione a casa di un commerciante finito nel mirino degli investigatori per un debito con l’ Erario da 320mila euro.

L’imprenditore aveva accumulato il debito in 7 anni, durante i quali ha ricevuto ben 10 cartelle esattoriali mai pagate. Per sottrarsi al fisco ha venduto sottocosto un immobile da 700 mila euro a Torre del Greco, per appena 250mila euro.

I finanzieri coordinati dal colonnello Agostino Tortora e dal facente funzione di procuratore di Torre Annunziata Pierpaolo Filippelli, dopo aver trovato in rosso i conti correnti dell’ imprenditore, hanno deciso di perquisire la sua abitazione.

Qui hanno trovato e sequestrato oro, qualche migliaia di euro in contanti, un’anfora betica, dell’antica Gibilterra, ed un’anfora greco-italica di provenienza sicula.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMaxi blitz nella notte: scacco ai signori della della droga, 21 criminali in manette
Prossimo articoloMaxi operazione della Guardia di Finanza: scoperti 75 falsi invalidi, 4 arresti

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.