Condividi

“Daremo pieno appoggio al progetto. E, parallelamente, tutto il sostegno tecnico a cominciare dal mio consigliere giuridico. Io ci sono, il mio ministero c’è, ma il vero via libera dovrà essere quello del Parlamento e la mia speranza è che si arrivi a un sì condiviso capace di unire maggioranza e minoranze. Serve un’intesa larga perché i diritti non hanno un colore politico”.

Lo dice Elisabetta Trenta, ministro della Difesa, a proposito dell’ipotesi di un sindacato dei militari. “Il diritto allo sciopero per un militare non esiste, ma questo i primi a spiegarcelo sono proprio i militari. Detto questo un sindacato sarà una conquista perché un soggetto esterno alla Difesa saprà rappresentare in maniera autonoma e indipendente i nostri militari”, ha aggiunto.

Quanto al tema dei ricongiungimenti familiari, “un militare ha il diritto di programmarsi una vita come qualsiasi altro lavoratore. Voglio che si apra un grande dibattito sui diritti. Che vengano ascoltati militari e Stati maggiori. Però si cominci. Subito e con grande decisione”.

Infine le conseguenze per la salute dell’esposizione a uranio impoverito: “Ho letto la relazione finale della commissione parlamentare d’inchiesta. Ho letto la denuncia degli ‘assordanti silenzi’ generalmente mantenuti dalle Autorità di governo. Bene ora io quei silenzi assordanti voglio cancellarli. E per farlo voglio proprio partire dai risultati di una commissione che ha lavorato bene. Non sarà una caccia alle streghe, ma lavoreremo per arrivare a una verità completa”.

 

Leggi anche:  Roberta Pinotti "Valutare il ritorno della leva obbligatoria per tutti"

Risultati immagini per sindacati militari

 

I delegati del Cocer Aeronatica Antonsergio Belfiori e Alfio Messina: Esprimiamo grande apprezzamento per le parole espresse in una recente intervista dal Ministro della Difesa Elisabetta Trenta in riferimento ai diritti sindacali per i militari.

Grande soddisfazione anche per la proposta di legge presentata alla Camera dei Deputati dal gruppo del Movimento 5 Stelle per consentire ai militari il diritto di associarsi in sindacato.

Una svolta storica che pone finalmente le basi per una massiccia introduzione di democrazia all’interno delle Forze Armate italiane sprovviste attualmente di uno strumento adeguato e democratico per rappresentare i propri diritti e le istanze del personale.

Auspichiamo una rapida approvazione della legge e la piena attuazione dei diritti sindacali per i militari affinchè si ponga fine a questo obsoleto sistema di rappresentanza in linea con quanto sancito dalla sentenza 120/2018 della Corte Costituzionale.

Articolo precedenteSi è finta maschio al concorso per entrare nei Carabinieri
Prossimo articoloFermato per un controllo, nigeriano spezza le ossa a un Carabiniere