Il mistero della morte di Roberto Garro, l’Alpino sepolto in un sacco

Anna e Angelo però sono riusciti almeno a vedere il corpo. Per una vita sono stati infermieri al Policlinico, al primo sguardo si sono subito accorti di parecchie cose che non tornavano: il corpo di Roberto non era dilaniato, come avevano garantito gli ufficiali della caserma, i segni che portava addosso non erano quelli di un incidente, ma proprio di uno scoppio. E poi mancavano le cornee: “Ce ne siamo accorti subito – ha detto il padre – non possiamo sbagliarci”.

La prossima settimana incontreranno la ministra della Difesa Trenta, alla quale chiederanno quel che ripetono ormai da cinque ministri diversi a questa parte: una commissione d’inchiesta sulla morte di Roberto. Una verità che dopo vent’anni sembra ancora lontanissima.

LiberoQuotidiano

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche