Condividi

Ancora una sparatoria negli stati uniti: tredici i morti, tra cui un poliziotto eroe che, grazie al suo intervento e al suo sacrificio, ha permesso a molti giovani di mettersi in salvo. La strage è avvenuta ad appena una settimana dell’episodio di Pittsburgh in Pennsylvania dove Robert Bowers, 46 anni, bianco, vicino agli ambienti dell’ultradestra Usa, ha ucciso undici religiosi ebrei all’interno di una sinagoga.

La nuova strage invece si è consumata all’interno di un pub della California, Borderline Bar and Grill di Thousand Oaks, in cui era in corso una serata per universitari. I giovani erano intenti a festeggiare quando attorno alle 23.30 un uomo ha lanciato dei fumogeni e ha poi aperto il fuoco facendo 12 morti per poi suicidarsi

Leggi anche:  Kuwait, branco stupra 13enne disabile: sette condannati a morte

IL KILLER – Si tratta di Ian David Long, ex soldato di 28 anni che ha prestato servizio nei Marine. “Abbiamo avuto diversi contatti con Long nel corso degli anni, per incidenti di entità inferiore”, ha spiegato lo sceriffo della contea di Ventura, Geoff Dean, raccontando che ad aprile i poliziotti si erano recati in casa sua e, dal momento che agiva in “modo irrazionale”, avevano chiamato degli esperti di PTSD, cioè disturbo da stress post-traumatico.

Il killer Ian David Long

L’EROE – Fra le vittime non si può non parlare dell’eroe, il vice sceriffo della contea di Ventura, il sergente Ron Helus, primo intervenuto assieme ad un agente della stradale. Ron, 29 anni di servizio e papà di un bambino, sarebbe dovuto andare in pensione tra meno di un anno.

Leggi anche:  Filippine, gruppo filo-Isis irrompe in chiesa e prende in ostaggio sacerdote e fedeli

Lo ricorda il Sergente Eric Buschow “Ron un poliziotto forte e intelligente. Era un bravo ragazzo, un’anima gentile”, ha spiegato nel corso di una conferenza all’Associated Press. “Era sempre paziente, calmo, indipendentemente dalle situazioni. Uno di quelli che vorresti incontrare quando chiami il 911”

Il Vice-Sceriffo Ron Hules

Ron, secondo il racconto degli amici ma anche di ciò che chiaramente si percepisce dai suoi profili social era un appassionato poliziotto che amava andare a pescare nelle montagne della Sierra Nevada con il figlio. Il suo account Facebook è stato convertito in una pagina commemorativa. Numerosi i messaggi di cordoglio da tutto il mondo.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCancro, un test del sangue per diagnosticare la malattia grazie a frammenti di DNA
Prossimo articolo"Vicini ai cittadini in ogni esigenza": arriva il nuovo Comandante dei Carabinieri, buon lavoro al Capitano Giuseppe Merola

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.