Condividi

Dilaga la “Samara Challenge“, la nuova sfida idiota e pericolosa che sta spopolando in questi giorni di fine estate. Il nome prende ispirazione da Samara Morgan, protagonista del film horror The Ring.

La sfida consiste nel vestirsi come la protagonista e sfilare di notte per le vie della città mettendo paura ai passanti e pubblicando il video sui social.

Un caso è stato segnalato in Sardegna, vicino al cimitero di Fluminimaggiore, nel Sulcis: tunica bianca, capelli sul volto e passo da ‘zombie’ pronta a terrorizzare chiunque le si avvicinasse. Adesso quel ‘fantasma’ è stato identificato. Si tratta di una turista tedesca di 25 anni, intercettata da decine di persone che poi hanno postato la sua foto e il video sui sociali.

L’hanno identificata i carabinieri della compagnia di Iglesias: a suo carico, al momento, non sono emerse condotte penalmente rilevanti.

Più grave pare essere invece l’episodio segnalato dal sito “QuotidianoItaliano” che parla di un avvistamento ad Acquaviva delle Fontie nel centro storico di Noicattaro in provincia di Bari. Più grave perchè, come scrive lo stesso quotidiano

foto di “”QuotidianoItaliano“”

“a Noicattaro molti ragazzini scappavano piangendo dopo aver visto Samara con un coltello in mano. Uno di loro, cadendo, ha rotto gli occhiali. È difficile far capire ai più piccoli che non si tratta della Samara del film, ma dell’idiota di turno”

Non solo pericolo per l’incolumità dei passanti, ma anche degli stessi autori dello “scherzo”: alcune notizie riportano aggressioni ai danni delle vittime dello scherzo.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCarabiniere ucciso, il collega Andrea Varriale sotto inchiesta della Procura Militare
Prossimo articoloIl lavoro e la professionalità che nessuno vuole vedere: poliziotto salva detenuto dal suicidio

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.