Base intitolata a Rosario Sanarico, il poliziotto morto cercando il cadavere di Isabella Noventa

Intitolate alla memoria del sommozzatore della Polizia di Stato la base navale di Punta Pezzino e la rotonda davanti alla sede del Centro nautico e sommozzatori a La Spezia

Lunedì mattina, alle ore 10, è stata intitolata alla memoria dell’ispettore superiore sostituto ufficiale di pubblica sicurezza Rosario Sanarico, Medaglia d’oro al valor civile, la base navale della Polizia di Stato di Punta Pezzino a La Spezia, alla presenza del ministro dell’Interno Marco Minniti e del capo della Polizia – direttore generale della pubblica sicurezza, prefetto Franco Gabrielli, oltre che dei familiari del poliziotto. A seguire, nella stessa mattinata, è stata poi intitolata alla memoria di Sanarico la rotonda davanti alla sede del Centro nautico e sommozzatori della Polizia di Stato di La Spezia. Alla cerimonia ha partecipato anche il questore di Padova Gianfranco Bernabei.

MORÌ CERCANDO IL CADAVERE DI ISABELLA. L’ispettore superiore Sups Sanarico, in forza al Nucleo sommozzatori del Cnes di La Spezia, morì eroicamente a soli 52 anni, il 19 febbraio 2016, a seguito di un incidente avvenuto durante le ricerche nelle acque del fiume Brenta del cadavere di Isabella Noventa, la segretaria 55enne di Albignasego scomparsa nella notte tra il 15 e il 16 gennaio del 2016, del cui omicidio sono accusati i fratelli Freddy e Debora Sorgato e la tabaccaia veneziana Manuela Cacco.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche