Condividi

ImmagineCorigliano Calabro (Cosenza) 3 gennaio 2014 – E’ stato completato in mattinata lo sbarco dei 360 immigrati, tra i quali 232 uomini, 54 donne e 74 minorenni, giunti nel porto di Corigliano Calabro (Cs) a bordo del mercantile Ezadeen, abbandonato dall’equipaggio in alto mare, senza elettricita’ e senza controllo, e intercettato al largo di Crotone, nel mare Ionio. Sulla nave erano stati calati tre operatori della Capitaneria di porto di Gallipoli e tre di Taranto i quali hanno provato a fare ripartire l’imbarcazione inutilmente. A quel punto erano iniziate le operazioni di traino fino al porto calabrese.
La scelta di Corigliano Calabro come approdo della nave, abbandonata dall’equipaggio alla deriva con i motori a pieno regime, probabilmente dopo che il quadro comando e’ stato danneggiato per impedire le manovre, e’ stata determinata dal fatto che il porto di Crotone e’ gia’ stracolmo di carrette del mare, utilizzate dagli scafisti per il trasporto dei migranti.
Si e’ dunque scelto lo scalo della provincia di Cosenza che era il piu’ vicino a quello crotonese. I migranti sono complessivamente in buone condizioni e, dopo i primi soccorsi, saranno trasferiti in strutture di accoglienza di altre regioni. Quelle esistenti in Calabria, infatti, sono tutte occupate. Nella regione d’approdo rimarranno soltanto 8 minorenni non accompagnati che saranno affidati ad una casa famiglia di Corigliano.

(Agi)

E.R.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteI 1037 giorni dei Marò. 1037 giorni di vergogna e contraddizioni italiane
Prossimo articoloAnziano uccide la moglie a Napoli: "Era malata terminale"