Condividi

“Sbirri di … andate via da qui, è zona nostra”. Insulti e minacce. Poi l’aggressione. È successo alle quattro di domenica notte in piazza Libertà a Rho, la piazza della stazione ferroviaria, che nelle ore serali e notturne diventa luogo d’incontro di spacciatori e stranieri. Vittime due poliziotti del commissariato di Rho-Pero impegnati in un servizio di controllo del territorio. La pattuglia ha notato due stranieri in atteggiamento sospetto, si è avvicinata per accertarsi di quello che stava succedendo. Neppure il tempo di scendere dall’auto di servizio e sono iniziati gli insulti con toni minacciosi. A quel punto i poliziotti hanno cercato di fermare gli stranieri, ma sono stati colpiti con calci e pugni. Ci sono voluti alcuni minuti, ma poi i due sudamericani sono stati bloccati e accompagnati negli uffici del commissariato per l’identificazione. Uno di loro aveva con sé un coltello di 15 centimetri.

Leggi anche:  Sbirri pikkiati, botte per forze polizia

Entrambi i sudamericani, 48 e 44 anni, pregiudicati, sono stati arrestati per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Quello di 48 anni che nascondeva il coltello in una tasca interna del giubbotto è stato anche denunciato per detenzione di arma illegale, mentre il 44enne non avendo il permesso di soggiorno è stato denunciato per violazione della legge sull’immigrazione. Completati gli accertamenti per entrambi gli aggressori si sono aperte le porte del carcere milanese di San Vittore. I due poliziotti invece sono dovuti ricorrere alle cure mediche al pronto soccorso dell’ospedale di Rho e hanno riportato ferite lievi con una prognosi di 5 giorni.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Fuori i documenti" poi li deruba. Finanziere nei guai
Prossimo articoloReddito di cittadinanza, ecco come si diventa "navigator": retribuzione di 1800 euro. I requisiti

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.