Condividi

Firenze– Si è tuffato in Arno, a Firenze, per fuggire, trovandosi però poi in difficoltà. A salvarlo, riferisce un articolo de La Nazione, è stato un ispettore di polizia, esperto pallanuotista, che si è buttato a sua volta nel fiume. È quanto riferisce la questura in merito all’intervento, la notte scorsa intorno alle 2.30 nel capoluogo toscano, all’altezza di piazza Gaddi.

La persona soccorsa e tratta in salvo è un 22enne di origine romena. Secondo quanto spiegato dalla polizia, il giovane sarebbe stato sorpreso da alcuni passanti a rovistare in un’auto, dopo averne danneggiato il finestrino. È stata così allertata la polizia mentre il 22enne si è dato alla fuga buttandosi in Arno, convinto di riuscire ad attraversarlo a nuoto.

Arrivato al centro del fiume si è trovato in difficoltà, anche a causa dell’ipotermia. L’ispettore della volante intervenuta, Davide Gandola, esperto pallanuotista, ha deciso di gettarsi in Arno e dopo aver raggiunto il giovane lo ha trascinato fino a riva. Il 22enne, spiega sempre la questura, portato all’ospedale per gli accertamenti medici, è fuori pericolo di vita. Nei suo confronti è scattata una denuncia per tentato furto aggravato. Il questore Armando Nanei si è complimentato con l’ispettore per il suo gesto. In piazza Gaddi intervenuti anche i vigili del fuoco e i sanitari inviati dal 118.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMarco carta, arresto non convalidato: "Non sono stato io, felice di poterlo dire"
Prossimo articoloEsercito. Raccolta fondi per operare Gianpiero: saldato italiano e papà di due bimbi