Condividi

Paura nelle scorse ore, nella prima mattinata di Giovedì a Padova per un incendio scatenatosi alla Croce rossa locale dove purtroppo è andato distrutto un mezzo di soccorso. Come riportano i giornali locali infatti un’ambulanza è stata distrutta dalle fiamme. Al momento, sembrerebbe a causa di un corto circuito elettrico. Lo scoppio che si è sentito (e che si avverte nel finale del video) è dovuto ad alcuni dispositivi medici sotto pressione che sono esplosi nell’incendio. Il boato ha creato una certa apprensione. Il fatto si è verificato nelle prime ore del giorno, pare verso le 6.50. Salvo il volontario impegnato in alcune manutenzioni al veicolo.

In pochi minuti, raccontano i quotidiani locali, le fiamme hanno avvolto il mezzo. Poco dopo sono state udite chiaramente alcune esplosioni dovute ai dispositivi medici presenti all’interno dell’ambulanza. Parzialmente distrutto anche un vetro e un tavolo degli uffici che ci sono a pochi passi dal rogo. I volontari in servizio e alcuni di quelli dei due turni appena sostituiti si sono attivati per avvisare i Vigili del Fuoco, prestare soccorso al collega, ustionato alla mano e all’avambraccio destro, che è stato medicato e dimesso. Sono stati quindi portati in sicurezza i migranti ospitati al piano superiore della sede operativa, spostata la seconda ambulanza parcheggiata a fianco di quella incendiata e rallentato il propagarsi delle fiamme.

 

la foto pubblicata da PadovaOggi.it

 

Stando ad alcune testimonianze riportate dal quotidiano PadovaOggi.it che ha pubblicato anche un video, durante il cambio turno la squadra che prendeva servizio ha controllato gli equipaggiamenti come da prassi. Improvvisamente dalla bombola dell’ossigeno è partita una fiammata che ha innescato il rogo. Stando a una prima stima dei danni questi ammonterebbero circa a 170mila euro.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteVoto di scambio, 96 politici siciliani indagati: c'è anche Totò Cuffaro
Prossimo articoloArmato di martello e machete morde a un polso un carabiniere

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.