Condividi

PADOVA, Scuolabus rovesciato. Tra i retroscena e le ultime decisioni emerse, continua a far discutere l’episodio dell’autista ubriaco fuggito una volta provocato l’incidente con il pullman che stava guidando, lasciando alla propria sorte alcuni piccoli passeggeri feriti. Fortunatamente non abbiamo dovuto parlare di gravi bilanci, ma la strage è stata evitata solo per un caso fortuito

Parliamo dell’incidente di Arquà Petrarca, in provincia di Padova, occorso lo scorso 17 Maggio

Il pullman scolastico che stava guidando si era rovesciato dopo uno sbandamento e lui era scappato lasciando i bimbi feriti alla loro sorte.

L’autista successivamente fermato, un cinquantenne romeno, si era dato alla fuga venendo però preso dopo poche ore dai Carabinieri di Este.

Al successivo controllo, l’autista, identificato per D.P, 51 anni, è stato accusato per guida in stato di ebbrezza e lesioni personali colpose plurimeLa cosa incredibile però è che già in passato l’uomo aveva dovuto fare i conti con la giustizia: nel 2017 era stato sorpreso alla guida completamente ubriaco.

L’uomo, secondo quanto racconta il Gazzettino, aveva valori di alcol 3 volte oltre i limiti imposti dalle norme. Al cinquantenne era stata ritirata la patente e sequestrato il mezzo.

Una novità arriva però questa mattina dalle aule del tribunale dove nell’udienza di convalida dell’arresto, il gip ha successivamente disposto che l’autista venga rimesso in libertà con la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria.
LEGGI ANCHE: Ubriachezza, lesioni, violenze: la fedina penale dell’autista dello scuolabus pieno di bimbi scappato dopo l’incidente
LEGGI ANCHE: Scuolabus pieno di bimbi si rovescia: 7 i feriti, l’autista si dà alla fuga

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBari. Carabiniere resta ferito per avvisare gli automobilisti del pericolo che corrono
Prossimo articoloLutto nel mondo della Formula Uno: è morto Niki Lauda

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.