Condividi

Si chiama Sergio Palumbo, ha 26 anni, due figli ed è residente a Vittoria l’uomo che lo scorso 2 settembre ha fermato di notte a Ragusa una ragazza con la scusa di farsi aiutare perché “sua moglie stava male” e l’ha poi sequestrata e violentata per ore. L’uomo è stato fermato grazie alla testimonianza resa dalla vittima e dalle immagini riprese da una telecamera a circuito chiuso dove si è consumato lo stupro. Per altro, si tratterebbe di un recidivo: non era infatti la prima volta che prendeva di mira una donna e l’aggrediva. Già nel 2018, infatti, era stato condannato proprio per stupro e rapina a quattro anni e otto mesi ed era attualmente sottoposto ad obbligo di dimora. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, fornita dagli inquirenti, Sergio avrebbe litigato con la moglie e, dopo aver fatto uso di cocaina, sarebbe sceso in strada e fermato la sua vittima simulando una richiesta di aiuto.

IL FINTO MALORE

Era il 2 settembre scorso: intorno alle 2 di notte, il 26enne chiede aiuto alla donna di 30 anni, che aveva appena finito di festeggiare il compleanno con alcuni amici, perché “sua moglie ha avuto un malore”. Lei gli crede, lui sembra disperato, chiede di chiamare un’ambulanza, ma è solo una scusa: viene sequestrata e stuprata per tre ore, prima in una stradina deserta vicino al cimitero di Vittoria, poi sulla spiaggia di Marina di Ragusa. È stata liberata solo dopo le 5 del mattino, dopo essere stata minacciata di ritorsioni sulla sua famiglia nel caso in cui avesse raccontato cosa è successo quella notte. “Una odissea”, come l’hanno definita senza troppi giri di parole gli inquirenti, nello specifico il Gip della città siciliana, Vincenzo Ignoccolo, nelle cinque pagine dell’ordinanza di custodia cautelare con cui, accogliendo la richiesta della Procura, convalida il fermo dell’uomo e ne dispone la custodia cautelare in carcere.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteArriva il POS in chiesa: ora le offerte si fanno con il bancomat
Prossimo articoloFacebook, cancellati i profili di Casapound e Forza Nuova dai social

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.