Condividi

Parco ancora nel mirino dei vandali: lapidi distrutte, scritte e insulti sul monumento ai carabinieri

Montichiari, ancora un blitz dei vandali al parco e sul monumento dedicato ai caduti di Nassiriya

Continui blitz vandalici al parco caduti di Nassiriya di Montichiari.

Purtroppo è successo ancora. Dopo il vandalismo messo in atto contro il monumento ai caduti di Nassiriya a metà Dicembre scorso, il becero atto si è ripetuto.

Ma non solo! Secondo quanto riporta BresciaToday infatti, in meno di un mese sarebbero stati ben tre gli episodi:

 

 

distrutta la targa in marmo che ricorda le vittime dell’attentato, deturpato (per ben due volte) il monumento dedicato all’arma dei Carabinieri.

Il primo blitz a metà Dicembre, rivendicato dagli anarchici. Sulla base del monumento era stata impressa la scritta “Carabinieri alla linea”. Una frase ingiuriosa che gli operatori comunali avevano cancellato in pochissimo tempo.

LEGGI ANCHE: Montichiari, vergogna anarchica contro i Carabinieri caduti a Nassiriya. Imbrattata la targa alla memoria

Poi – e questa ci era sfuggita, ma la riporta BresciaToday, – una nuova incursione nella notte tra il 30 e il 31 dicembre, quando era stata frantumata la targa in marmo che ricorda le vittime della strage.

L’ultimo episodio risale alla notte scorsa: nel mirino dei vandali è nuovamente finito il monumento dedicato all’arma.

Una nuova scritta è comparsa sulla base in marmo: “Parco Carlo Giuliani. Sbirri Assassini”.

Individuare i responsabili non sarà facile: nell’ex parco della city sono presenti alcune telecamere, ma il sistema di sorveglianza non sarebbe funzionante.

 

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Cibi freddi, scaduti o razionati": la protesta di polizia e pompieri
Prossimo articoloAllevatore di capre: “In agricoltura ci sono posti di lavoro ma non si trovano giovani preparati”