Condividi

Sono stati individuati come gli autori di 17 furti, consumati, tentati nello scorso mese di settembre 2018 ai danni di banche, gioiellerie e negozi di telefonia nel centro di Caserta e nella provincia: la Squadra mobile, questa mattina, ha arrestato 7 persone ritenuti essere i responsabili.

Le indagini si sono concentrate, sin da subito, su un gruppo di persone, che vivevano dentro baracche in un campo a Giugliano, in provincia di Napoli. Nello specifico gli investigatori hanno scoperto che il gruppo criminale si era specializzato nella tecnica della “spaccata”: riuscivano ad entrare all’interno dei locali sfondando le vetrine mediante un ariete in ferro ed altri strumenti adatti allo scasso e, una volta all’interno, razziavano oggetti preziosi nelle gioiellerie, cellulari/tablet nei negozi di telefonia e casseforti negli istituti di credito.

Leggi anche:  Napoli, trovate 321 tessere elettorali nascoste in una casa

L’indagine si avvalsa dell’uso di intercettazioni e di numerosi servizi di appostamento e pedinamento e la Squadra mobile, nello scorso mese di novembre, era intervenuta in flagranza di reato, riuscendo a bloccare ed ad arrestare alcuni membri del gruppo che avevano appena commesso un furto all’interno di un negozio di telefonia di Caserta. Nel corso delle perquisizioni, nelle baracche del campo gli agenti hanno rinvenuto, televisori, telefoni cellulari, articoli di abbigliamento e scarpe, risultati poi oggetti provenienti da furto.

Inoltre, venivano sequestrati diversi oggetti preziosi di dubbia provenienza, su cui sono tuttora in corso ulteriori accertamenti e, nei pressi delle citate baracche, un grosso oggetto in acciaio, impiegato per gli “assalti”. Fondamentali per le indagini sono state le immagini registrate dai sistemi di video sorveglianza degli esercizi commerciali, che hanno garantito l’individuazione delle caratteristiche fisiche dei ladri, seppur travisati, e capi di abbigliamento indossati dagli stessi, ritrovati durante la perquisizione e sottoposti a sequestro.

Leggi anche:  Poliziotto si toglie la vita a Napoli, Vincenzo lascia due figli piccoli

«Una banda rom che in pochi mesi aveva messo a segno 17 colpi tra banche, gioiellerie e negozi di telefonia. Complimenti alla polizia di Caserta. Per questi delinquenti una sola destinazione: la galera!». Così il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha commentato un’operazione della polizia che ha portato a sette arresti di persone provenienti dal campo nomadi a Giugliano in Campania, nel Napoletano, accusati di aver commesso una serie di furti tra banche, gioiellerie e negozi di telefonia.

GUARDA IL VIDEO

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteL'Aquila. Polizia in lutto, è morto il poliziotto Maurizio Rossi
Prossimo articoloLegittima difesa, la Regione Lombardia paga 30mila euro di spese legali al ristoratore di Lodi che sparò e uccise un ladro

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.