Wuhan. Non ce l’ha fatta il medico che si era svegliato dal coma con la pelle nera

Si è spento il dottor Hu Weifeng, uno dei medici dell’ospedale di Wuhan risvegliati con la pelle completamente scura dopo il risveglio dal coma causato dal Coronavirus.

Hu Weifeng, assieme al collega Yi Fan, erano stati ricoverati dopo essere stati colpiti dal virus SarsCoV2 durante il picco dell’epidemia in Cina.

I due colleghi, a causa di un’anomalia latente del funzionamento del fegato emersa con la somministrazione di fortissimi antivirali usati per salvarli, si erano svegliati con la pelle completamente pigmentata.

Hu Weifeng, dopo mesi di ospedalizzazione appariva in via di guarigione, poi una ricaduta: appena una settimana dopo essere uscito dalla terapia intensiva era stato vittima di un’emorragia cerebrale che lo ha portato alla morte, qualche giorno fa.

LEGGI ANCHE: Due medici cinesi contagiati dal virus si risvegliano con la pelle scura

L’evento è riportato, in Italia, da AskaNews. Il collega invece, dopo un mese e mezzo di terapia intensiva, sembra essersi ripreso e guarito definitivamente.

I due medici, urologo e cardiologo, lavoravano nello stesso ospedale di Li Wenliang, l’oculista 34enne che per primo provò a denunciare l’epidemia in corso, dopo aver notato un anomalo picco di polmoniti e problemi respiratori tra i pazienti.

Sospettando la diffusione di un virus simile a quello dell’epidemia di Sars del 2002, il medico aveva provato ad allertare i colleghi ma era stato censurato e arrestato dalle autorità cinesi.

LEGGI ANCHE: Wuhan, ecco il laboratorio da dove potrebbe essere “scappato” il Covid-19. Parla il direttore

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche