Condividi

CARA 4

All’arrivo dei Carabinieri, si è sbarazzato della droga gettandola dalla finestra, ma il trucco è stato ugualmente scoperto ed è finito nei guai.
È accaduto l’altro pomeriggio a Modugno, dove i Carabinieri hanno arrestato uno spacciatore 18enne, incensurato, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I militari, nell’ambito di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti, hanno compiuto una perquisizione a casa del ragazzo. Quando i carabinieri hanno bussato alla porta, il giovane li ha fatti attendere non poco prima di aprire, proprio perché, nel frattempo, ha gettato un sacchetto in cellophane contenente qualcosa di sospetto, ignaro della presenza di altri carabinieri preventivamente dislocati lungo il perimetro della palazzina, che lo hanno colto di sorpresa.
Il sacchetto, terminato sul terrazzo di una casa limitrofa, è stato subito dopo recuperato dai carabinieri, che al suo interno hanno trovato 40 dosi di hashish per 70 grammi complessivi.
Nel suo comodino, invece, sono stati rinvenuti 75 euro in banconote da 10 e da 5 euro, un taglierino sporco della stessa sostanza, un bilancino elettronico di precisione, diverse bustine simili a quelle contenenti la droga e una lista dello spaccio, ovvero un bigliettino su cui erano annotati nomi di persone con a fianco cifre espresse in euro.
Inutile è stato il tentativo da parte del giovane di giustificare il suo comportamento, perché le manette ai suoi polsi sono scattate ugualmente.
Su disposizione della Procura della Repubblica di Bari il 18enne è stato condotto presso la sua abitazione e sottoposto agli arresti domiciliari.
Quanto rinvenuto, invece, unitamente al denaro, ritenuto provento dell’illecita attività di spaccio, è stato posto sotto sequestro.

Roma, 7 marzo 2016

fonte Arma dei Carabinieri

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteConvegno: La Polizia di Stato con le donne
Prossimo articoloTorino: la Polizia e le donne