Entrano tre ladri in casa ma non si fa intimidire: ne ferisce uno e gli altri scappano

Si scaglia contro il ladro in casa e lo ferisce con un’accetta

Questa volta ai “cattivi” è andata male!
Erano ben tre i ladri, che si è ritrovato ad affrontare tutto solo. E’ accaduto a Lecco.

L’uomo li ha affrontati praticamente a mani nude ed è riuscito a farli fuggire. Uno dei tre sarebbe rimasto ferito dopo che al suo indirizzo gli era stata lanciata un’accetta.

Perchè, sia chiaro: nessuno entra in casa sua senza permesso.

Protagonista del movimentato episodio verificatosi lo scorso pomeriggio è un 30enne di Foppaluera, frazione di Brivio.

L’episodio ce lo racconta Il Giorno.

Il giovane, ben piazzato, stava lavorando al computer nella sua stanza, quando ha sentito degli strani rumori in giardino, si è affacciato alla finestra e ha notato tre sconosciuti.

Invece che battere lui in ritirata si è scagliato contro di loro, incurante dell’inferiorità numerica e dell’esplicita minaccia di uno dei tre, che gli ha ringhiato in faccia “Vattene o ti spacco la testa!”.

In realtà è stato proprio quest’ultimo a rischiare di finire male, perché il legittimo inquilino, che in quel momento si trovava da solo, ha afferrato la prima cosa a portata di mano, cioè una specie di piccola accetta, e gliel’ha scagliata contro.

“Ho creduto di averlo ammazzato, perché è caduto a terra – racconta il ragazzo al Giorno -. Invece l’ho colpito ad una spalla con in manico e lui a fatica si è rialzato e infine è corso via con gli altri due complici, scavalcando la recinzione d’un balzo”.

Ad aspettare i tre ladri, in strada c’era un quarto complice con il compito di fare il palo ma anche da autista

resosi conto del pericolo, l’uomo li  li ha caricati in macchina ed è partito a tutta velocità

“Ho agito d’impulso ed è andata bene. Mi chiedo però cosa sarebbe successo se in casa ci fosse stata mia mamma, o una persona anziana.

Gli operatori delle forze dell’ordine devono essere meglio equipaggiati, le leggi devono tutelare loro non i delinquenti. E anche un sistema di videosorveglianza in paese sarebbe d’aiuto”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche