Condividi

SIMONE NERISIMONE NERI, MEDAGLIA D’ORO AL VALORE CIVILE

C’E’ UN BAMBINO CHE PIANGE. VADO A SALVARLO
Pasquale Simone Neri (Messina, 15 ottobre 1979 – Messina, 1º ottobre 2009).
Simone Neri, “l’eroe per caso” di Giampilieri. E’ morto sotto al fango dopo aver salvato otto persone. Simone era un ragazzo di 28 anni che viveva a Giampilieri in provincia di Messina. Sognava, come tutti, di farsi presto una famiglia: era Sottocapo di prima classe in Marina e viene ricordato come un ragazzo per bene: ricordato perché ora non c’è più essendo morto sotto al fango. Simone è diventato un “eroe per caso”: si era salvato dalla valanga salendo sul tetto di casa da cui era ridisceso solo per aiutare la gente che era rimasta intrappolata nel fango. Il primo era un vicino che urlava disperato sotto le macerie della sua casa crollata, poi una donna anch’essa intrappolata che è stata presa in braccio e portata in salvo sopra il tetto sicuro. Simone Neri è andato ad aiutare la gente per ben otto volte; poi alle 21.00 ha telefonato per l’ultima volta alla sua fidanzata per dirle «c’è un bambino che piange, vado a salvarlo. Qualsiasi cosa succeda, ricordati che ti amo». Questa volta però Simone non è più tornato.

80px-Valor_civile_gold_medal_BAR.svgMedaglia d’oro al valor civile
“Durante un disastroso evento alluvionale, libero dal servizio, con generoso slancio volontaristico, esemplare altruismo e cosciente sprezzo del pericolo, si prodigava mettendo in salvo alcune persone, ma, nell’ulteriore disperato tentativo di aiutare una donna e il suo nipotino, veniva travolto da un fiume di fango e detriti, perdendo tragicamente la vita. Fulgido esempio di elette virtù civiche ed umana solidarietà, spinte fino all’estremo sacrificio.” – 1 ottobre 2009 Giampilieri Superiore – Messina

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSalvo D'Acquisto
Prossimo articoloSandro Usai