Condividi

Era rimasta ferita a una spalla durante la folle rappresaglia di Luca Traini, il 3 febbraio scorso a Macerata.

Così, Jennifer, 25enne nigeriana, chiederà un risarcimento di 750mila euro all’uomo, accusato di strage aggravata dall’odio razziale, sei tentati omicidi e porto abusivo d’arma. Lo riporta tgcom24

Aveva aperto il fuoco nella città marchigiana per “vendicarsi” della morte di Pamela Mastropietro, per la quale sono accusati quattro nigeriani.

Il risarcimentoJennifer era stata raggiunta da un proiettile alla spalla sinistra.

Il colpo era stato sparato dalla Glock calibro 9 di Luca Traini, che a bordo della sua auto aveva aperto il fuoco per le strade di Macerata e aveva ferito sei persone, tutte di origini africane.

Leggi anche:  Staminali, giudice obbliga la cura per 80enne con sla

La 25enne nigeriana quel giorno si trovava davanti alla stazione ferroviaria e non è riuscita a sottrarsi alla folle sparatoria.

Chiederà così un risarcimento di 750mila euro a Traini, che siederà al banco degli imputati a partire dal 9 maggio. Anche il Comune si costituirà probabilmente parte civile.

Sparatoria di Macerata, ragazza ferita chiederà 750mila euro  di risarcimento

Le accuse sono pesantissime: strage aggravata dall’odio razziale, sei tentati omicidi, porto abusivo d’arma e altri reati tra cui il danneggiamento.

La sua “vendetta”Il 28enne Traini, che al momento è detenuto nel carcere di Ancona, voleva “vendicarsi” per la morte di Pamela Mastropietro, la ragazza fatta a pezzi e ritrovata in due trolley, lungo una strada in provincia di Macerata.

Leggi anche:  Tenta di investire un poliziotto: agente costretto a sparare

Risultati immagini per sparatoria macerata

Per il massacro sono accusati quattro nigeriani e tre di loro si trovano agli arresti. Traini non conosceva la ragazza uccisa, ma aveva deciso di voler attuare la propria rappresaglia dopo aver sentito la notizia alla radio.

Il suo legale, l’avvocato Giancarlo Giulianelli, giocherà la carta della seminfermità: il suo assistito sarebbe affetto da un disturbo bipolare che ne avrebbe compromesso la capacità di intendere e di volere. Dal canto suo, Traini, che in più occasioni ha manifestato simpatie fasciste e leghiste, non si era pentito.

Si era solo detto dispiaciuto per aver colpito una donna.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteOcchio al messaggio che blocca WhatsApp e Messenger Facebook sullo smartphone
Prossimo articoloI medici contro lʼomeopatia: "Non ha basi scientifiche, è un placebo"