Macherio, sparò per fermare il folle: carabiniere indagato

Un fascicolo penale per lesioni personali gravissime nei confronti del carabiniere che ha sparato al fuggitivo, che a sua volta deve rispondere di resistenza a pubblico ufficiale. Due indagini parallele quelle che sta svolgendo la Procura di Monza per la sparatoriaaccaduta la mattina dell’1 settembre scorso in via Roma a Macherio dove E.B., 47 anni, di Tregasio, frazione di Triuggio, è scappato sul suo suv per sfuggire ai militari della stazione di Biassono che dovevano sottoporlo a un accertamento sanitario obbligatorio ed è stato raggiunto da due colpi di pistola di ordinanza.

Un proiettile ha mirato alle gomme della sua auto, mentre l’altro lo ha ferito tra la spalla e il collo. I fascicoli penali sono stati aperti dal sostituto procuratore monzese Rosario Ferracane, il magistrato che era di turno quando si è verificato il fatto che ha gettato il panico tra i passanti della centralissima strada di Macherio.

Il pm dovrà ora verificare con accertamenti tecnici la dinamica dell’inseguimento e della sparatoria, anche disponendo una perizia balistica che ricostruisca la traiettoria del proiettile esploso dal carabiniere per capire se sia stato esploso ad altezza d’uomo. Mentre E.B,, ricoverato all’ospedale San Gerardo di Monza dopo il ferimento ma non in pericolo di vita, è ora indagato di resistenza a pubblico ufficiale per essere sfuggito ai carabinieri.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche