Macherio, sparò per fermare il folle: carabiniere indagato

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, quella mattina il 47enne ha visto sotto casa i militari che avrebbero dovuto scortarlo in ospedale e non si è fermato, fuggendo alla guida del suo suv. Inseguito, ha iniziato a guidare pericolosamente nel centro di Macherio pieno di pedoni.

Una seconda pattuglia dei carabinieri si è allora messa di traverso per sbarrargli la strada e bloccarne la corsa. Lui però ha puntato dritto verso l’auto dei carabinieri che hanno sparato due colpi. Uno dei proiettili lo ha però raggiunto tra la spalla e il collo, facendo finire la sua corsa. E.B. è stato soccorso dai militari, che hanno chiamato l’ambulanza. In ospedale, al pronto soccorso di Carate Brianza, è finito anche un appuntato di 35 anni, sposato e padre di un bimbo di 3 anni, a cui i medici hanno riconosciuto 20 giorni di prognosi per contusioni e lussazione al ginocchio della gamba destra. Secondo la ricostruzione dei militari, sarebbe stato l’appuntato a tentare di bloccare il 47enne attaccandosi alla portiera del suv. Sarebbe stato a quel punto che il collega dell’appuntato ha deciso di sparare.

Il Giorno

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche