Condividi

I pompieri hanno tagliato una porta dopo una fuga di gas. Poi il boato

Due vigili del fuoco morti e una terza persona trovata carbonizzata: è il primo bilancio dell’esplosione che si è verificata in una palazzina a Catania secondo quanto ha confermato anche il sindaco Enzo Bianco.

Altri due pompieri sono ricoverati in gravi condizioni all’ospedale Garibaldi.

L’esplosione, dovuta probabilmente ad una fuga di gas, si sarebbe verificata al piano terra di una palazzina in via Sacchero. Secondo le prime informazioni,

la squadra dei vigili del fuoco sarebbe stata chiamata per una fuga di gas e, una volta arrivata in zona, avrebbe tentato di aprire una porta. In quel momento si sarebbe verificata l’esplosione, che avrebbe coinvolto tutta la squadra.

Drammatiche le prime immagini: dal “fortino”, dove poco dopo l’incidente si è presentato anche il sindaco Enzo Bianco – riporta Natale Bruno su Repubblica –

 

Catania © ANSA

 

riprese di uomini sanguinanti a terra, con i primi soccorritori che verificavano se i vigili del fuoco coinvolti nell’esplosione respirassero ancora.

Per due, però, non c’era più nulla da fare, e lo stesso per un sessantenne che viveva nella palazzina e che lavorava come venditore e riparatore di biciclette.

L’uomo, che viveva in affitto nel palazzo, aveva sia la casa che il negozio all’interno dell’edificio. Un’inchiesta è stata aperta dalla procura etnea.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEsplosione a Catania: 3 vittime, 2 sono vigili fuoco
Prossimo articoloSprangate in testa a un passante a caso: "È schizofrenico", potrebbe non andare in carcere