Condividi

“Io, Rosaria Costa, vedova dell’agente Vito Schifani – Vito mio – battezzata nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, a nome di tutti coloro che hanno dato la vita per lo Stato – lo Stato… – chiedo innanzitutto che venga fatta giustizia, adesso.

Rivolgendomi agli uomini della mafia, perché ci sono qua dentro, ma certamente non cristiani, sappiate che anche per voi c’è possibilità di perdono: io vi perdono, però vi dovete mettere in ginocchio, se avete il coraggio di cambiare… loro non cambiano… di cambiare, di cambiare… loro non vogliono cambiare… loro non cambiano, loro non cambiano!… di cambiare radicalmente i vostri progetti, progetti mortali che avete.


Tornate ad essere cristiani. Per questo preghiamo nel nome del Signore che ha detto sulla croce: “Padre perdona loro perché loro non lo sanno quello che fanno”.

Pertanto vi chiediamo per la nostra città di Palermo che avete reso questa città sangue, città di sangue… vi chiediamo per la città di Palermo, Signore, che avete reso città di sangue – troppo sangue – di operare anche voi per la pace, la giustizia, la speranza e l’amore per tutti − non c’è amore, non ce n’è amore, non c’è amore per niente…”

Rosaria Costa, Palermo, chiesa di San Domenico, 25 Maggio 1992

LEGGI ANCHE: Emanuele, figlio di Vito Schifani, angelo di Giovanni Falcone «Io, finanziere per battere il racket»

Articolo precedenteAgrigento, questi due poliziotti hanno salvato la vita al piccolo che tengono in braccio
Prossimo articoloOgni anno, da 25, un cittadino lascia un mazzo di fiori alla Polizia in memoria della Strage di Capaci, di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinari