Tagliano la coda allo squalo per salvare la rete da pesca

E’ successo a Baia di Ognina, nel Catanese, e l’episodio è raccontata da diverse testate online.

Protagonisti sarebbero alcuni subacquei che, spiega il quotidiano online, a pochi metri dalla riva, avevano notato un grosso squalo in evidente difficoltà che sembrava trasportato dalla corrente.

I sub, dopo essere riusciti ad avvicinare lo squalo, la terribile scoperta che avrebbe lasciato sconcertati i soccorritori.

Lo squalo infatti, un capopiatto (Hexanchus griseus) lungo circa due metri, era stato amputato della coda.

Si tratta di un taglio netto, evidenziato dalle tristi immagini diffuse sui social.

Secondo Leggo non vi sarebbe dubbio sul fatto che quella terribile mutilazione, sarebbe stata provocata dall’intervento dell’uomo.

 

“Probabilmente rimasto impigliato in una qualche attrezzatura da pesca, commenta chi ha a che fare con il mare, quel povero squalo potrebbe essere stato sacrificato proprio per salvare le reti”.

Come era accaduto, con le dovute proporzioni, ad una balena pochi giorni fa in Brasile. Anche lei, finita per sbaglio nella rete dei pescatori, aveva subito lo stesso crudele trattamento che l’aveva uccisa. Dopo una lunga agonia, anche lo squalo della Baia di Ognina è morto.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche