Condividi

Si è presentato in lacrime all’interrogatorio di garanzia nel carcere di Taranto il 49 enne che domenica ha accoltellato il figlio 14enne

e scaraventato giù dal terzo piano la figlia di sei anni, ora in gravissime condizioni.

Assistito da un legale, l’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere ma ha implorato il gip Incalza e il pm Di Tursi,

che hanno tenuto l’udienza, di fargli vedere i due figli contro i quali si era scagliato domenica scorsa tentando di ucciderli.

E’ invece di poche ore fa la notizia della rinuncia alla difesa da parte del suo primo legale, Nicola Cervellera, che lo aveva già difeso in passato

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePadre lancia la figlia dal balcone. Colpo di scena: il legale si rifiuta di difenderlo
Prossimo articoloIn dubbio le 10mila assunzioni nelle Forze di Polizia annunciate da Salvini: per ora non ci sono i soldi afferma il Corriere della Sera