Condividi

Due episodi accaduti a poco tempo di distanza l’uno dall’altro hanno fatto scattare il panico nella popolazione di Teano (Caserta). Un gruppo di uomini a bordo di un furgone grigio avrebbe tentato di rapire prima una minorenne e poi una ragazza che si stava recando al lavoro. Entrambi gli episodi sono seguiti dalle forze dell’ordine. Intanto, attraverso il tam tam di internet, si è diffusa la paura in tutta la città.

Psicosi collettiva oppure esiste davvero una banda di balordi che scorrazza nelle vie di Teano a caccia di ragazze da portare via? E’ la domanda alla quale i carabinieri stanno cercando di dare risposta. Quello che si è saputo riguarda due singoli episodi per ora catalogati come “sgradevoli avvicinamenti”. Nel primo suo malgrado è stata protagonista una minorenne che si stava recando a scuola. E vista la giovane età gli investigatori non hanno rilasciato dettagli.

Il secondo caso riguarda invece una 20enne, commessa in un negozio di abbigliamento, che durante il tragitto verso il luogo di lavoro è stata avvicinata da quattro persone a bordo di un furgone. Da questi sono arrivati prima dei pesanti apprezzamenti, poi uno di questi ha afferrato il braccio della giovane e ha tentato di farla salire a bordo del mezzo con uno strattone. La ragazza ha quindi cominciato a urlare attirando l’attenzione di altre persone e mettendo in fuga i balordi.

Ed è il furgone in comune denominatore di questi spiacevoli episodi. Le telecamere di zona sono quasi tutte guaste ma a quanto pare una avrebbe ripreso la targa del mezzo. I Carabinieri si dicono quindi fiduciosi di poter in breve tempo risalire ai malintenzionati riportando la tranquillità in tutta Teano.

fonte: TGCOM24

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTerrorismo, cellula di Al Qaeda con base in Sardegna: in otto assolti
Prossimo articoloSicurezza, Matteo Salvini: tra poco pistola elettrica alle forze dellʼordine

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.