Condividi

Tenta di salvare una donna dal suicidio. Multato dai vigili

VICENZA. Un’amica, in crisi da tempo per diverse vicissitudini, lo ha chiamato ieri pomeriggio dicendo che si voleva ammazzare.

«Sono qui sul Brenta, adesso mi butto».

Silvano Concato, autotrasportatore di Chiampo, stava guidando quando ha ricevuto la drammatica telefonata. Era in zona industriale di Vicenza e ha cercato di calmare l’amica, di invitarla a ragionare.

In quel momento è stato fermato da una pattuglia dei vigili urbani che lo hanno pizzicato alla guida al cellulare senza auricolare. «Ho spiegato agli agenti quello che stava succedendo, li ho invitati a parlare loro con la ragazza per convincerla a desistere dal suo terribile proposito. E invece mi hanno risposto che non volevano parlare con nessuno e mi hanno chiesto patente e libretto».

Risultato? 112,70 euro di multa e meno 5 punti dalla patente. «Appena ho potuto l’ho richiamata. Fortunatamente è passata in riva al fiume un’amica di sua mamma, che l’ha calmata e convinta a tornare a casa». Concato è arrabbiato: «Io la multa la pago, ci mancherebbe. Ma vi pare possibile che due persone in divisa non abbiano voluto neanche parlare con un’aspirante suicida?».

Diego Neri
Il Giornale di Vicenza

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteDOMENICO RICCI, CADUTO NELL'ADEMPIMENTO DEL DOVERE
Prossimo articoloI famigliari ai Carabinieri "stanno sempre li, non tornano più a casa". Chiusi cinque centri massaggi e arrestate le maitresse