Condividi

ROMA – Una coppia di ragazze di 30 e 34 anni, entrambe romane, sono state denunciate a piede libero dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro con l’accusa di truffa.

Le donne hanno tentato di mettere a segno l’ormai tristemente nota “truffa dello specchietto”, avvicinando un automobilista in transito nel traffico di viale Ostiense e accusandolo di aver provocato un danno alla loro auto, intimandogli di risolvere “bonariamente” il sinistro con un risarcimento da pagare in loco di 250 euro.

Peccato che l’automobilista individuato quale potenziale vittima fosse un Carabiniere, in quel momento libero dal servizio e in abiti civili, che non solo non ha “abboccato”, ma ha anche annotato il numero di targa del veicolo su cui viaggiavano le “Thelma e Louise“ nostrane, comunicandolo alla Centrale Operativa del Comando Provinciale Carabinieri di Roma, quando le furfanti si sono allontanate a tutto gas dopo aver ottenuto un netto diniego alla proposta di risarcimento.

Leggi anche:  Rientrano a casa e dentro ci sono abusivi, denunciati


Immediatamente sono scattate le ricerche delle due sospette e una pattuglia del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri Roma Centro le ha individuate e fermate in via della Piramide Cestia.

Durante il controllo, è emerso che la ragazza di 30 anni alla guida dell’utilitaria non aveva mai conseguito la patente di guida – violazione in cui è risultata essere incappata già in passato – e che il veicolo stava circolando sprovvisto di carta di circolazione e di copertura assicurativa obbligatoria. Per questi motivi, nei suoi confronti è scattata una seconda denuncia a piede libero e il sequestro dell’auto.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteChiedevano soldi per far passare i furgoni: arrestati militari di Strade Sicure
Prossimo articoloAncora un lutto tra le Forze dell'Ordine, finanziere papà di due bimbi si suicida: il drammatico ritrovamento fatto dalla moglie

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.