Condividi

pastasalameL’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende un caso per allergene (pesce) non dichiarato in pezzi di frutti di mare refrigerati dalla Danimarca.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: conteggio troppo alto di Escherichia coli in mitili mediterranei vivi (Mytilus galloprovincialis) dalla Spagna; istamina in tranci di tonno pinna gialla confezionati sottovuoto e refrigerati dalla Spagna.

salami
Presenza di Listeria monocytogenes in salami italiani

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: residui di pesticidi (prochloraz, acetamiprid e clorotalonil) in melograni freschi dalla Turchia; aflatossine in arachidi dall’Egitto; migrazione di manganese da utensili da cucina in legno dalla Cina; residui di pesticida (prochloraz) e sostanza non autorizzata (carbendazim) in melograni refrigerati provenienti dalla Turchia; contaminante industriale (semicarbazide, SEM) in filetti di pesce gatto congelati (Pangasius spp) dal Vietnam; aflatossine in pistacchi dalla Turchia.

Tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, la Germania segnala due allerta, la prima per frammenti di vetro e pezzi di legno in pasta secca e la seconda per la presenza di Listeria monocytogenes in salami (leggi articolo).

Fonte: Il Fatto Alimentare
20/2/2016

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSCOMPARSO A 18 ANNI ED ELIMINATO COME UN BOSS. "FORSE HA VISTO QUALCOSA"
Prossimo articoloLa dieta invernale a base di calorie: "La cioccolata aiuta a bruciare il grasso"