Pedofilo a processo. Dettagli raccapriccianti: “Ti fa male? Mordi il cuscino”

A quanto pare Bell era a conoscenza del fatto che il bambino era già stato stuprato da un altro uomo (per di più un parente), questo, invece di fermarlo, lo spingeva ad abusarne con maggiore violenza.

L’unica precauzione, se così si può chiamare, era quella di fargli “Mordere il cuscino” per resistere al dolore. Inoltre ha costretto il piccolo a vivere nel suo dolore, obbligandolo a non dire nulla ai suoi genitori.

CONTINUA A LEGGERE