Ticket sanità: arriva la riforma. Ecco quanto si paga e chi è esente

A partire dall’1 gennaio 2007 la legge prevede, a carico degli assistiti, il pagamento di un ticket di 25 euro per le prestazioni erogate in Pronto soccorso ospedaliero non seguite da ricovero, classificate con ‘codice bianco’ (prestazioni non urgenti, paziente in condizioni non critiche) ad eccezione di traumi e avvelenamenti acuti. Il ticket non è previsto per i codici ‘rosso’ (paziente molto critico), ‘giallo’ (mediamente critico), ‘verde’ (poco critico). In Toscana l’importo massimo previsto è di 50 euro, maggiorato di 10 euro nel caso vengano effettuati accertamenti diagnostici per immagini; nella provincia autonoma di Bolzano un ‘codice bianco’ può pagare fino a 100 euro. Anche il colore dei codici cambia significato nelle diverse regioni.

Per esempio con il codice ‘azzurro’ la Toscana definisce “i casi non gravi con prestazione sanitaria differibile” e quindi il cittadino è soggetto al pagamento del ticket, mentre in Lombardia il codice ‘azzurro’ classifica le persone ‘fragili’ e pertanto non soggette al pagamento del ticket. Ogni ricetta, inoltre, ha una quota fissa e modulata su alcuni fattori: dal costo della prestazione, al tipo di prestazione, fino alle esenzioni, al reddito familiare e alle condizioni di salute (gravidanza, ad esempio) o sociali. La modulazione della quota può variare tra regione e regione.

Dal 2000 è stata abolita, a livello nazionale, ogni forma di partecipazione degli assistiti per l’assistenza farmaceutica; dunque, non è previsto alcun ticket sui farmaci. Le singole regioni, tuttavia, per fare fronte al proprio disavanzo, possono reintrodurre sui farmaci di fascia A (quelli essenziali e per malattie croniche dispensati gratuitamente dal Servizio sanitario nazionale) specifiche forme di partecipazione alla spesa farmaceutica, che in genere consiste in una quota fissa per ricetta o per confezione.

Attualmente il diritto all’esenzione dal ticket sulle prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio e sulle altre prestazioni di specialistica ambulatoriale è riconosciuto sulla base di particolari situazioni di reddito associate all’età o alla condizione sociale, in presenza di determinate patologie (croniche o rare) o del riconoscimento dello stato di invalidità.

Il cittadino ne ha diritto sulla base di particolari situazioni:

1 – Malattie croniche Per scoprire quali sono le malattie croniche e invalidanti che danno diritto all’esenzione dal ticket (e le relative prestazioni alle quali si ha diritto) basta consultare l’elenco aggiornato digitale messo a disposizione dal Ministero. L’esenzione – spiega il Ministero – deve essere richiesta all’Asl di residenza, esibendo un certificato medico “che attesti la presenza di una o più malattie incluse nel DM 28 maggio 1999, n. 329 e successive modifiche”.