Condividi

Un anziano, un tiramisù e due poliziotti dal cuore d’oro

Troppo spesso abituati a confrontarsi con criminali, certo non si aspettavano la “sorpresa” che li ha attesi in un supermercato della Capitale.

Roma – Un equipaggio della Polizia di Stato è intervenuto nelle scorse ore chiamati dalla vigilanza di un supermercato “assaltato” da un’anziano 90enne che, non avendo i soldi per pagare “qualche cosa di dolce”, ha pensato di ‘sottrarre’ o meglio rubare un tiramisù da un bancofrigo del negozio

L’uomo ha così preso una porzione di tiramisù e lo ha nascosto maldestramente sotto la giacca: il movimento non è infatti sfuggito all’attento occhio dei vigilanti che subito ha fermato l’anziano alle casse allertando la Polizia. Gli agenti sono regolarmente intervenuti riuscendo ad evitare la denuncia all’anziano e pagando per lui il dolce. L’anziano è poi stato riaccompagnato a casa..

Ad intervenire una pattuglia del Commissariato Colombo. I poliziotti, davanti a quell’uomo emotivamente fragile (continuava a ripetere, dispiaciuto: “Avevo voglia di dolce”) e con problemi economici, si sono subito mossi. Oltre a pagargli il dolce, gli hanno anche regalato una spesa ed una volta usciti dal negozio si sono assicurati che tornasse a casa salvo.

Non è certo il primo caso di solidarietà di questo genere

Come dimenticare ad esempio l’episodio di Cagliari dove, in vista di Pasqua, un equipaggio intervenuto presso Auchan S.Gilla ha messo mani al portafogli dopo esser venuto a conoscenza che il furto sul quale erano intervenuti era stato compiuto da una giovane mamma in difficoltà economiche che aveva tentato di sottrarre il tradizionale dolciume da regalare ai propri figli / LEGGI ANCHE: Mamma in difficoltà ruba uova di Pasqua per i figli, i poliziotti pagano il conto per lei

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCassazione: è reato vendere i prodotti derivati dalla cannabis. La decisione travolge un settore in piena espansione
Prossimo articoloScontri a Genova, il SAP "la lettera che Repubblica non ha pubblicato"