Tirana, violenti scontri sedati dalla Polizia con i razzi lacrimogeni

Violenti scontri a Tirana davanti al Parlamento albanese con l’opposizione di centro destra guidata da Lulzim Basha che sta protestando davanti alla sede del parlamento di Tirana, dove da poco è iniziata una seduta, convocata a sorpresa. Centinaia di agenti hanno circondato l’area, mentre i manifestanti hanno lanciato fumogeni e petardi dando anche alle fiamme alcuni copertoni.

LA PROTESTA

I manifestanti hanno provato a sfondare un cordone della polizia e gli agenti hanno lanciato i lacrimogeni. Le centinaia di persone che stanno protestando contro il governo hanno risposto, a loro volta, con il tiro di sassi. Subito dopo sono state schierate le unità antisommossa.

Dieci giorni fa, una manifestazione indetta dall’opposizione davanti alla presidenza del Consiglio per chiedere “un governo transitorio che prepari le elezioni anticipate”, si è trasformata in scontri fra gruppi di manifestanti che hanno assaltato a più riprese il palazzo del governo e le Forze dell’Ordine che hanno risposto con idranti e lacrimogeni. Una seconda protesta lo scorso giovedì si è invece svolta pacificamente, mentre i deputati dell’opposizione hanno deciso in blocco di dimettersi e non fare più parte dell’Assemblea nazionale. Nonostante le dure critiche della comunità internazionale, anche oggi il leader dell’opposizione Basha ha affermato che “la battaglia per cacciare via Rama, non si fermerà”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche