Condividi

Rinviati a giudizio dal gup della Capitale padre e figlio accusati del ferimento, avvenuto lo scorso giugno a Tor Bella Monaca di Yuri Sannino, poliziotto del Reparto Volanti.

L’accusa per entrambi è di tentato omicidio: il sessantenne in particolare aveva accoltellato il poliziotto mentre il figlio aveva bloccato l’intervento della Volante.

Il processo prenderà il prossimo 5 maggio.

LEGGI ANCHE: Parla un collega del poliziotto accoltellato “ci hanno accerchiato in 30, volevano impedirci di salvare Yuri”

“A Tor Bella Monaca ci hanno accerchiato in trenta. E allora quell’uomo mi ha colpito al petto, credevo fosse un pugno, era una coltellata” raccontò Yuri Sannino al Messaggero, e rivelando i momeni tragici di quell’aggressione avvenuta il 28 giugno scorso durante il servizio in via dei Cochi e che per pochissimo non gli è costata la vita.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCoronavirus: 1.115 morti, 45 mila contagiati. Italiano allo Spallanzani è in buone condizioni. Un vaccino allo studio
Prossimo articoloAfghanistan: attacco alla polizia, 17 agenti morti e quattro gravemente feriti

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.