Torino, agente della Polfer aggredito “Il collega reagisce e spara all’aggressore“

Attimi di terrore ieri sera alla stazione di Torino Porta Nuova: un ventenne originario della Somalia è stato ferito con un colpo di pistola da un agente della polizia ferroviaria durante un controllo.

Il poliziotto ha fatto fuoco con la pistola d’ordinanza per difendere il collega di pattuglia che era stato aggredito dal giovane. Trasportati in ospedale, l’agente aggredito e l’extracomunitario – che ora è in stato di fermo – non sono in pericolo di vita.

Questa sera, domenica 29 luglio 2018, si è registrata un’aggressione a un agente di polizia a Porta Nuova, a seguito di un normale controllo, terminato con la cattura dell’aggressore, un 21enne somalo, e l’esplosione di un colpo di arma da fuoco.

Poco dopo le 20 30, davanti il comando della polizia ferroviaria a Porta Nuova, nel piazzale di via Nizza, una pattuglia della polfer ha effettuato un controllo nei confronti di un cittadino. Questi ha reagito alle richieste degli agenti estraendo una forchetta da barbecue con cui ha colpito uno dei poliziotti.

 

 

Nessun danno grave per il poliziotto, colpito due volte alla spalla, che è stato portato in ospedale al Mauriziano (dimesso con cinque giorni di prognosi), mentre l’aggressore ferito è stato trasportato all’ospedale Molinette.

Poco dopo, si è avventato contro il collega dell’agente ferito che ha prontamente reagito sparando e colpendo l’aggressore a un fianco.

 

Fuori pericolo di vita, il somalo è piantonato e già in stato di arresto. Sequestrato il forchettone da barbecue utilizzato per l’aggressione.