Troppi i giorni di solitudine e distanza, anziano si lancia dalla finestra. Emergenza aumento delle depressioni

“Non riesco a vedere il mio nipotino. Non ha più senso vivere così”.

In poche parole, scritte su un biglietto, è racchiuso l’addio di un anziano savonese, che dopo tanti giorni di quarantena si è ucciso buttandosi da una finestra di casa. Un gesto estremo che potrebbe non essere isolato. Nei giorni scorsi altri due anziani savonesi si sono tolti la vita, pare fiaccati dall’ obbligo di restare chiusi in casa, senza la possibilità di scambiare due parole con gli amici alla bocciofila o fare una partita a carte.

A parlare del caso è Il Secolo XIX. “‘Non bisogna sentirsi soli, è una fase passeggera, che verrà superata”, dice Carlo Vittorio Valenti, direttore del Dipartimento di salute mentale e dipendenze dell’ Asl 2 di Savona.

“Può accadere di sentirsi demoralizzati in questa situazione – spiega Valenti – Gli anziani non possono vedere figli e nipoti, ma torneranno a farlo. I centri di salute mentale sono sempre aperti e se la situazione è grave, gli operatori possono anche andare a casa”.

Secondo quanto riportato da Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, in un articolo del Psychiatric Times, disturbi da stress e ansia possono trasformarsi in questo momento in una vera e propria epidemia “parallela“.

E uno studio di Samantha Brooks del King’s College di Londra, pubblicato su “The Lancet“, ha rilevato che la quarantena produce una serie di conseguenze negative sulla salute mentale, tra cui traumi, confusione e rabbia.

D’altra parte in un articolo pubblicato su “The Conversation” da psicologi clinici presso il Center for Social Connection Science dell’Università di Washington, si sottolinea che quando si tornerà alla normalità, potrebbero aumentare proprio il numero di depressioni.

Questospiega il sito GreenMe che parla degli studi – perché non tutte le persone sono in grado di affrontare un momento così incerto con equilibrio, specialmente se poco inclini a gestire lo stress. L’incertezza verso il futuro, incluso quello economico, può infatti destabilizzarci eccessivamente facendoci sentire vulnerabili. E scatenare anche eventuali ossessioni di contaminazione, compulsioni di pulizia e lavaggio.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche