Condividi

Trovato un cadavere sui binari a Casoria: è di Ciro Ascione, 16enne scomparso

Il corpo trovato ieri pomeriggio sui binari della stazione di Casoria adesso ha un nome.

E purtroppo quel nome corrisponde a Ciro Ascione, il 16enne scomparso da Casoria qualche giorno fa e di cui anche il sito sostenitori.info di era occupato

Il traffico ferroviario, racconta il Mattino – era stato sospeso intorno alle 17.00, in seguito al ritrovamento, e sul posto erano arrivati i poliziotti della Scientifica per i rilievi del caso.

Ancora in fase di ricostruzione la dinamica dell’accaduto.

Il ragazzo era scomparso sabato sera, mentre tornava ad Arzano, dove avrebbe dovuto incontrarsi con alcuni amici. Stava tornando da Napoli.

 

Si era incontrato con la fidanzata, che abita nella zona dei Quartieri Spagnoli.

La ragazza lo aveva visto l’ultima volta mentre entrava nella stazione Toledo.

Avrebbe dovuto raggiungere in metropolitana piazza Garibaldi e da lì prendere il treno delle 21.25 per Caserta e sarebbe sceso a Casoria, dove l’aspettava il padre.

Alcune telecamere di sorveglianza lo hanno ripreso mentre usciva dalla stazione della metropolitana e percorreva la galleria Garibaldi.

Nella stazione centrale, però, non sarebbe mai entrato: non comparirebbe in nessuna delle tre telecamere posizionate agli ingressi e al binario da dove avrebbe dovuto prendere il treno.

I familiari avevano perso tutti i contatti intorno alle 21.20 e si erano recati in Questura per denunciare la sua scomparsa.

Si erano rivolti anche a “Chi l’ha visto?”, che stamattina aveva rilanciato l’ultimo appello del padre e poco fa ha confermato la notizia del ritrovamento del corpo.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePaura in strada a Genova: auto travolge pedoni, diversi feriti, uno grave
Prossimo articoloSembra una cartella esattoriale ma è un virus: già colpiti la Camera, gli Interni e Trenitalia