Condividi

CARA 4

 

Una firma alla lettera di disdetta del precedente contratto con “Enel Servizio Elettrico” e un’altra in calce ai moduli di adesione al servizio offerto da “Enel Energia”, entrambe rigorosamente false, ma capaci di far lievitare il volume d’affari di un’agenzia, con sede in Torino, a danno di ignari cittadini che mai avevano accettato il cambio di gestore.

Per questi fatti i Carabinieri della Stazione di Barile hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria competente il titolare dell’agenzia ed un suo dipendente, incaricata da Enel Energia a procacciare contratti, per tentata truffa aggravata e falsità materiale commesa dal privato in copie autentiche di atti pubblici.

La vittima, un cittadino di Barile residente in Piemonte che, rientrato al paese nativo ove possiede una casa che utilizza solo durante le ferie, notava che l’abitazione era sprovvista di corrente elettrica. Interpellato il suo gestore apprendeva che già da alcuni mesi aveva effettuato il cambio di gestore con Enel Energia. Nella cassetta della posta effettivamente rinveniva bollette di pagamento per un importo di circa 400 euro, proprio da parte della società Enel Energia.

Scattava subito la denuncia presso l’Arma locale che, al termine dell’attività di indagini, identificavano gli autori della tentata truffa nel titolare e dipendente di un’Agenzia con sede in Torino, incaricata da Enel Energia di procacciare clienti. Nessun coinvolgimento da parte della società Enel Energia è stato accertato.

 

Roma, 11 aprile 2016

fonte Arma dei Carabinieri

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBlitz della Polizia al parco della Verbanella
Prossimo articoloPolizia di Stato: arresti dell’U.P.G.S.P.