Trump: stop a ingressi da 7 paesi musulmani

“L’ingresso di cittadini e rifugiati siriani” è “dannoso per gli interessi Usa”, parola di Donald Trump, presidente Usa, che nel suo suo ordine esecutivo ha imposto un giro di vite di Trump sull’immigrazione, allo scopo di arginare e prevenire il pericolo terrorismo.
Sarà infatti sospeso per 3 mesi l’ingresso negli Usa degli immigrati da 7 paesi musulmani: Siria, Libia, Iran, Iraq, Somalia, Sudan e Yemen.
Resterà sospeso fino a ulteriore comunicazione l’ingresso dei migranti siriani. Tagliato inoltre di oltre la metà il numero dei rifugiati che gli Usa prevedono di accettare quest’anno, portandolo a 50mila.
Sospeso infine il programma Visa interview waiver, che consentiva agli stranieri titolati di chiedere il rinnovo del visto senza affrontare il colloquio personale con le autorità Usa.
Al termine dei 120 giorni di sospensione dell’ingresso di rifugiati, si darà priorità a quelli appartenenti a minoranze perseguitate per motivi religiosi.
Sarà anche velocizzato il sistema biometrico per tracciare le entrate e le uscite di tutti i viaggiatori negli Usa.

Riccardo Ghezzi
Roma, 28/1/2017