Condividi

Tumore polmone: le ultime novità sulla cura del tumore al polmone

Tumore al polmone, i dati sono impressionanti: 38mila italiani colpiti ogni anno. Quello che bisogna sapere

AffariItaliani – Importante scoperta per guarire dal cancro. Gli esperti dell’istituto IEO hanno eseguito il primo intervento di rimozione su paziente con tumore polmonare

Novità sulla cura del tumore al polmone: come guarire dal cancro ai polmoni

Gli esperti dell’Istituto europeo di oncologia di Milano hanno eseguito la prima rimozione di tumore al polmone con chirurgia mininvasiva robotica.

Il paziente era affetto da neoplasia apicale inizialmente inoperabile, estesa ai vasi sanguigni e alle prime 3 coste. L’intervento rappresenta una vera e propria svolta verso un futuro in cui il cancro al polmone sarà più curabile.

Tumore polmone: le ultime novità sulla cura del tumore al polmone

La cura del cancro al polmone: operato paziente con tumore al polmone non operabile

L’uomo, dopo un importante trattamento di chemioterapia , è stato sottoposto a intervento resettivo di lobectomia e toracectomia con interessamento vascolare, effettuato con robot. E a distanza di 60 giorni è in buone condizioni, riferiscono oggi dall’Irccs di via Ripamonti.

Questo intervento non è un unicum – precisa Lorenzo Spaggiari, a capo dell’équipe di Chirurgia toracica che ha eseguito l’operazione,

direttore del Programma Polmone Ieo – ma è un’anticipazione del futuro dei prossimi 10 anni della chirurgia oncologica toracica.

“Il mix fra chirurgia e nuovi farmaci – prospettano gli specialisti – potrebbe ridurre la mortalità del big killer numero uno”.

Il tumore polmonare, ricordano dallo Ieo, è uno degli obiettivi principali della lotta al cancro mondiale: è la neoplasia a maggior incidenza e a maggior letalità in entrambi i sessi valutati complessivamente.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteUtilizzate le stesse bottigliette di plastica per bere? Meglio non farlo più
Prossimo articoloCassazione, auto in doppia file è reato: si rischia l'accusa di "violenza privata"