Condividi

antiterrorismo

Non si fermano le grida di allarme sui nostri sistemi di sicurezza da parte del segretario del Sap, Gianni Tonelli, intervistato da Affaritaliani.it : “In tutta Italia solo 190 poliziotti sono in grado di sparare su un bersaglio in movimento. Anche per questo ho iniziato un giro d’Italia per spiegare i motivi della nostra protesta/denuncia”.

In Italia, secondo Tonelli, si è lavorato solo sulla percezione della sicurezza e non sull’effettiva garanzia di essere difesi: “La stragrande maggioranza degli agenti – denuncia Tonelli – non è in grado di affrontare un kamikaze o un terrorista. Mandiamo fuori persone che da quattro anni non spara un colpo di pistola“. Non servono a nulla nemmeno i corsi antiterrorismo: “Il governo ha parlato di 30 mila corsi ma altro che antiterrorismo… Se tre ore di slide possono essere definite un corso di antiterrorismo tecnico pratico io sono Babbo Natale. La verità è che non abbiamo questo tipo di formazione“. Infatti, secondo quanto dice il segretario del Sap, “solo 190 agenti in tutta Italia hanno fatto un corso specifico per sparare su bersagli in movimento. Un numero insignificante. Abbiamo visto dopo Parigi e Bruxelles che non servono nuclei specializzati ma professionalità diffusa. O ripensiamo a tutti i percorsi formativi oppure togliamoci dalla testa che siamo in grado di far fronte a una minaccia terroristica“.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteQueste lampade potrebbero dare la scossa. Prestare la massima attenzione
Prossimo articoloSequestrati 600mila giochi pericolosi