Ubriaco al volante, il tribunale di Milano lo assolve: “Tenuità del fatto”. La Polizia Stradale: “Decisione incomprensibile”

Un tasso alcolico quattro volte superiore al consentito non è bastato per condannare un romeno che aveva causato un incidente sulla A4, per miracolo senza vittime.

La Polstrada: “Decisione incomprensibile”

Aveva un tasso di alcol pari a 1,97 grammi per litro, quasi quattro volte il massimo consentito.

Non è bastato per condannare un romeno che, dopo che aveva causato un incidente sulla A4 (miracolosamente senza vittime), è stato prosciolto dal tribunale di Milano per “tenuità del fatto” con un sentenza che ha sollevato le perplessità della Polizia stradale e della Procura.

“La circostanza che il livello di tasso alcolemico rinvenuto nel sangue non sia di molto superiore al limite relativo alla soglia di rilevanza, consente di qualificare il fatto in termini di tenuità”.

Queste le parole del giudice monocratico, Maria Pia Bianchi, che cancellano i dettami dell’articolo 186 che prevedono, nel caso in questione, una multa dai 1.500 ai 6.000 euro, la sospensione della patente e l’arresto da 6 mesi a 1 anno.

La polizia stradale ha subito espresso le sue perplessità

“Rimane di difficile comprensione l’eccezione di non ritenere adeguatamente provato l’incidente e il perché venga considerato di lieve entità il valore di 1,97 g/l accertato clinicamente con procedura medico legale, considerato che tale valore supera di quasi 4 volte il limite massimo previsto”. Una sentenza che di certo farà discutere.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche