Uccide questo bimbo, esce dal carcere e si sposa. Il giorno delle nozze un uomo si avvicina a lui…

Questa drammatica storia è divisa in due parti. Una risale al 2003 e un’altra, quella finale, è avvenuta in questi giorni. I protagonisti della vicenda però sono gli stessi. Nel lontano 2003 un bimbo scozzese di due anni, Alastair Grimason, rimase ucciso da un colpo di pistola mentre si trovava con mamma Ozlem e papà David in Turchia per fare visita alla famiglia d’origine della donna. Quella maledetta sera il piccolo si trovava ad un tavolino di un bar di Foça, sul mar Egeo, insieme alla madre e ad altri parenti. In un tavolo vicino scoppiò una lite per un banale motivo legato ad un telefono cellulare e il 46enne Daimi Akyuz impugnò una pistola e iniziò a fare fuoco. Il bimbo venne colpito mentre si trovava nel suo passeggino. Quando la madre che cercava riparo lo trascinò via era già troppo tardi per lui.

Quell’uomo che uccise il piccolo Alastair e altre persone in quel bar fu condannato a 36 anni di carcere. Ma dopo aver scontato soltanto un terzo della sua pena è stato liberato. E qui arriviamo ai giorni nostri, alla seconda ed ultima parte della nostra storia. Daimi Akyuz, uscito dal carcere, decide di sposarsi con la donna che lo aspettava da tempo. Solo sei giorni dopo aver ottenuto la libertà i due celebrano le loro nozze. Ma durante il banchetto, mentre l’uomo esce fuori dal ristorante per fumare una sigaretta con un amico, qualcuno si avvicina a lui e gli spara uccidendolo sul colpo. L’autore di questo omicidio potrebbe essere stato un uomo che la vittima avrebbe conosciuto in carcere. La polizia sta indagando in quel senso.

Sulla vicenda, un cerchio di sangue che si è chiuso così come si era aperto nel 2003, è stato sentito il padre del povero Alastair: “Non voglio vedere nessuno perdere la propria vita, in particolare in quelle circostanze. Alcune persone potrebbero pensare che io sia contento e che questa notizia notizia possa avermi confortato. In realtà mi dispiace per lui, per la sua famiglia e per i due figli che hanno perso il padre.



Potrebbero interessarti anche