Uccide i genitori poi fugge da casa: fermato in strada con le mani sporche di sangue

Trovato dai Carabinieri in stato confusionale ed ancora sporco di sangue, ha confessato.

Ha trent’anni e soffre di gravi problemi psichiatrici l’uomo che stanotte ha accoltellato a morte i genitori.

L’omicidio al termine di un litigio.

Il trentenne ha vegliato qualche ora sui corpi, poi è fuggito utilizzando l’auto della madre fino a quando non è stato individuato e fermato, nella notte, dai Carabinieri.

In casa, i militari hanno trovato otto coltelli da cucina, probabilmente usati per il delitto.

Teatro del massacro un’abitazione nella zona Mirafiori di Torino. I genitori avevano 60 e 69 anni,

Resta da capire meglio il movente che ha scatenato la furia dell’uomo. Per il momento si sa che ieri nel tardo pomeriggio i coniugi avevano deciso di andare a trovare il figlio. A un certo punto sarebbe quindi scoppiata una lite “per futili motivi” spiegano gli investigatori.

Poi il dramma.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche