Misogino uccide il figlio di una giudice per vendicarsi

Uccide il figlio di una giudice per vendicarsi del “Feminazismo”

L’omicida sarebbe un avvocato, Roy Den Hollander. Tutto è accaduto negli Stati Uniti, in New Jersey. Un uomo, avvocato, ha ucciso il figlio di una giudice Esther Salas e ferito gravemente il marito. Poi si sarebbe suicidato.

L’uomo è riuscito a compiere il delitto entrando nell’abitazione della giudice presentandosi come fattorino.

L’avvocato, misogino, aveva criticato online il “dominio Feminazista” accusando la giudice di essere “pigra e incompetente nominata da Obama”.

L’identità dell’assassino è stata rivelata in una nota della Procura del New Jersey. Roy Den Hollander si descriveva come “un anti-femminista”.

Nella sua carriera aveva citato nightclub per gli sconti riservati alle donne, il governo federale per le leggi che proteggono le donne dalla violenza e aveva presentato una causa anche alla giudice Salas nel 2015 a proposito dell’esercito solo per uomini.

L’avvocato si sarebbe tolto la vita con un colpo d’arma da fuoco, il suo corpo sarebbe stato ritrovato nelle ore successive.

In un memoriale di 1.700 pagine pubblicato online aveva raccontato della fantasia di violentare una giudice donna che aveva presieduto le udienze del suo divorzio.

Secondo quanto riportano i giornali, all’avvocato era stato diagnosticato un cancro due anni fa. “La mano della morte è alla mia sinistra, niente importa più”.