Condividi

È uscito dal carcere di Arezzo prima di Pasqua Giacomo Ciriello, il 18enne che il 26 febbraio scorso uccise a fucilate il padre Raffaele nella sua casa di Lucignano, in provincia di Arezzo.

Attualmente il giovane si trova in una casa famiglia di Prato, come disposto dal gip di Arezzo Anna Maria Loprete che ha accolto l’istanza del legale del 18enne, avvocato Stefano Del Corto. Il pm Laura Taddei aveva espresso parere negativo, ritenendo adeguata la custodia cautelare in carcere.

Attualmente Giacomo Ciriello, accusato di omicidio volontario con l’aggravante del parricidio, è sotto esame da parte del medico legale e dalla psicologa che stanno svolgendo accertamenti per conto della difesa, finalizzati a capire se soffra di una patologia specifica. Non è escluso che l’avvocato difensori opti per la richiesta di una perizia sulle capacità di intendere e di volere.

Il delitto avvenne poco dopo la mezzanotte del 26 febbraio scorso. Giacomo imbracciò il fucile da caccia del padre centrandolo al volto. Stando a quanto emerso il 18enne non aveva rapporti facili con i genitori dopo la separazione avvenuta qualche anno prima

leggo

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTerremoto: scossa di 3.1 nell'Aquilano
Prossimo articoloCile, forte scossa di terremoto: magnitudo 6.9 Richter