Condividi

Il ‘Capitano Ultimo’ querela Matteo Renzi. Non sono piaciute a Sergio De Caprio, il colonnello dei carabinieri che catturò Totò Riina, le frasi riportate nel libro ‘Un’altra strada’ dell’ex premier a proposito del caso Consip e dell’attività dello stesso ufficiale nell’intelligence. “Leggo che Matteo Renzi nel libro “Un’altra strada” paventa ancora di fantomatici complotti e di azioni eversive contro di lui da parte del Capitano Ultimo e di pochi carabinieri che lavoravano all’Aise. Di Renzi -sottolinea De Caprio- non me ne sono occupato prima e non me ne occupo ora. Non ho mai attribuito ad altri le cause dei miei fallimenti personali e professionali. Ho dato mandato al mio avvocato di agire nelle sedi competenti contro le persone che mi attribuiscono cose che non ho mai detto e azioni che non ho mai compiuto”.

In serata la replica di Federico Bagattini, legale di Matteo Renzi. “Attendiamo con curiosità e interesse – dice l’avvocato – l’annunciata querela del colonnello De Caprio nei confronti del mio assistito. Sarà un piacere verificare in aula la fondatezza delle accuse”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Ho ucciso 93 donne": il serial killer disegna i ritratti delle sue vittime
Prossimo articoloAnarchici scarcerati, la rabbia dei poliziotti "Tre giorni di carcere per aver devastato una città"