Condividi

Un altro paese europeo vieta la copertura integrale del viso tramite indumenti.

In Danimarca infatti è appena passata una norma secondo cui si vieta di indossare indumenti a copertura integrale del viso in luoghi pubblici. Facile quindi pensare a burqa e niqab.

La norma è stata varata dal parlamento locale: 75 voti a favore e 30 contrari.

“Ogni persona che, nei luoghi pubblici, porti un capo di abbigliamento che le copra il viso, è punibile con una multa”, dice il testo di legge, che segue gli esempi di Belgio e Francia

Lo stesso governo ha assicurato che il provvedimento non prende di mira alcuna religione perché non bandisce foulard turbanti o tradizionali copricapo ebraici – spiega La Stampa – Tuttavia la legge, conosciuta come “Burqa ban”, di fatto imporrà restrizioni all’abbigliamento soprattutto delle donne musulmane più conservatrici, che comunque sono in poche in Danimarca.

In Danimarca è passata la legge che vieta di indossare indumenti che coprono il viso, come il burqa o il niqab, negli spazi pubblici. L’ha approvata il Parlamento con 75 voti a favore e 30 contrari. «Ogni persona che, nei luoghi pubblici, porti un capo di abbigliamento che le copra il viso, è punibile con una multa», spiega il testo, che segue l’esempio di altri Paesi europei, come Francia o Belgio.

Risultati immagini per burqa niqab

Lo stesso governo ha assicurato che il provvedimento non prende di mira alcuna religione perché non bandisce foulard, turbanti o tradizionali copricapo ebraici. Tuttavia la legge, conosciuta come “Burqa ban”, di fatto imporrà restrizioni all’abbigliamento soprattutto delle donne musulmane più conservatrici, che comunque sono in poche in Danimarca.”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Vogliamo i soldi". Migranti contro la Croce Rossa, arriva la polizia
Prossimo articoloMelegatti, lo stabilimento è chiuso ma gli operai entrano per curare il lievito madre del 1894