“Un attacco cardiaco? No, è il coronavirus che in alcuni casi colpisce il cuore”

La coronografia ha escluso un problema alle coronarie: non era in corso alcun infarto. La risonanza magnetica è invece stata risolutiva per la diagnosi: miocardite acuta, (un’infiammazione del muscolo cardiaco in genere associata a infezioni virali o malattie autoimmuni) con versamento pericardico. In contemporanea è arrivato il tampone rino faringeo a cui era stata sottoposta la paziente poco dopo il ricovero: positiva a SARS-CoV-2 responsabile della malattia Covid-19 .

Nessun infarto, ma il colpevole dei suoi guai cardiaci era il coronavirus.

Lo studio pubblicato su Jama

Il caso italiano è stato raccontato su Jama Cardiology da un team di medici guidati dal professor Marco Metra, cardiologo degli Spedali Civili di Brescia .

Il coronavirus può quindi attaccare anche il cuore? La pubblicazione sul caso di Brescia non è l’unica: i primi lavori sul tema sono stati pubblicati sulle riviste scientifiche in questi giorni e altre sono in fase di revisione.