Condividi

Nello studio, condotto su 205 persone, è emerso che, a parità di età, è di tre anni più giovane rispetto a quello maschile. Questo spiega come mai le donne siano meno vulnerabili a malattie neurodegenerative

Il cervello delle donne invecchia più lentamente e, a parità di età, è almeno tre anni più giovane rispetto a quello maschile. Lo indica la ricerca condotta nell’Università di Washington a St. Louis e pubblicata sulla rivista dell’Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti, Pnas. Il risultato, basato sulla scansione del cervello di 205 persone, potrebbe spiegare perché le donne tendano a essere meno vulnerabili degli uomini alle malattie neurodegenerative che insorgono con l’età.

Leggi anche:  Tumore al polmone, cane Blatt fiuta i noduli maligni

Il carburante principale del cervello sono gli zuccheri, ed è noto che il modo in cui vengono utilizzati cambia con il passare degli anni, mentre si sa pochissimo delle differenze metaboliche tra maschi e femmine. “Stiamo iniziando a capire come diversi fattori legati al sesso influenzano l’invecchiamento del cervello e la vulnerabilità alle malattie neurodegenerative”, osserva il coordinatore della ricerca, Manu Goyal. “Analizzare il metabolismo del cervello – prosegue – potrebbe aiutarci a capire alcune delle differenze che appaiono tra uomini e donne quando si invecchia”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePresa per i capelli, picchiata e stuprata in auto: 26enne marocchino a processo
Prossimo articoloPressioni alla Stradale per cancellare multa al figlio, chiesto rinvio a giudizio per Questore

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.